Definita come “delicata e virtuosa” (The Arts Desk) e come “artista incredibilmente compiuta” (Classical Source), Ksenija Sidorova è la portavoce per eccellenza della fisarmonica.

Incoraggiata ad abbracciare questo strumento dalla nonna, esperta fisarmonicista di musica folk, Ksenija ha iniziato a suonare all’età di 8 anni sotto la guida di Marija Gasele nella sua città natale Riga. La sua ricerca nell’ambito del repertorio classico e contemporaneo l’ha portata a Londra dove ha vinto il premio della Royal Academy of Music studiando con Owen Murray, e conseguendo successivamente il Master.

Nel 2009 Ksenija ha debuttato alla Wigmore Hall di Londra. Dopo aver partecipato al Park Lane Group Young Artist Showcase, il The Times l’ha definita come “una delle scoperte più entusiasmanti del momento”. Nel 2012 ha vinto il Premio Internazionale della Fondazione Bryn Terfel e nel 2015 è stata ospite al Royal Albert Hall per la celebrazione della 50° edizione al fianco di Sting.

Ksenija vanta titoli e vittorie in numerosi concorsi e competizioni come la “National Talent competition” in Lettonia, l’International Accordion Competition a Novosibirsk (Russia), il premio di St. Petersburg (Russia), il premio della Citta di Montese (Italy).

Nel corso della sua carriera, ha avuto modo di lavorare con compositori del calibro di Karl Jenkins, Hans Abrahamsen, Stefano Gervasoni, Nirmali Fenn, Samantha Fernando, Carlos Duque, Elspeth Brooke e Patrick Nunn.

Attualmente Ksenija collabora con Miloš Karadaglić, Juan Diego Flórez, Nicola Benedetti, Thomas Gould e Joseph Calleja. Insieme a Avi Avital e Itamar Doari forma il trio “Between Worlds”, progetto che ha visto spettacoli al Shakespeare’s Globe a Londra, in Germania e in America.